MENU

Cosa nessuno ti dice riguardo al Bouquet: La Storia

January 16, 2018

Quando ci accingiamo a preparare le nostre creazioni floreali per un matrimonio, scegliamo con cura alcuni fiori, i più belli, senza alcun difetto, schiusi al punto giusto, i più profumati e li mettiamo da parte per poi dare vita all’accessorio più importante dell’evento: il Bouquet da Sposa.

Il Bouquet da Sposa è ciò che ci fa emozionare insieme alla sposa quando glielo consegniamo, come se fosse l’oggetto che la rende consapevole che quello è proprio il gran giorno, il bouquet è spesso quell’ elemento che ci fa dannare perché la sposa cambia 100 volte idea su come lo vuole, il bouquet è quel particolare che deve restare bello per tutta la durata dell’evento perché viene ripreso in tutte le foto, il bouquet è quella cosa che tenendolo in mano ti fa sentire la sposa. Poiché è un elemento così importante del nostro lavoro ci siamo chiesti da dove viene il bouquet e abbiamo scoperto che ha una storia molto lontana.

 

Nell’antica Grecia e nell’antica Roma, prima di Cristo, alle spose veniva dato un piccolo mazzolino di erbe aromatiche come il timo e il rosmarino da tenere in mano, in segno di buon auspicio e di prosperità, che in seguito veniva dato in dono agli dei. Nei secoli dopo Cristo invece le spose portavano in mano un giglio bianco che stava ad indicare la loro purezza. Nel medioevo invece non si usavano più fiori ma oggetti che simboleggiavano i lavori domestici della donna: come il fuso per filare, l’ago e il ditale da cucito, accompagnati da una margherita in argento.

 

Il ritorno ai fiori si ebbe circa nel 1400 d.c. con le crociate, importando dagli arabi la tradizione dei fiori di arancio come portafortuna; questa tradizione rimanda ad una loro antica leggenda che narra di un Re e di una fanciulla contadina molto innamorati ma che, a causa della loro differenza sociale, non potevano stare insieme. La ragazza donò al Re una piccola pianta di arancio da far crescere in segno del loro amore. Il Re si prese cura con talmente tanto amore della piantina che divenne un albero bellissimo e prospero. Un giorno arrivò a palazzo un ambasciatore che rimase colpito dalla bellezza di questa pianta e chiese un ramoscello al sovrano che gelosamente glielo rifiuto; l’ambasciatore allora pagò con tanto oro il giardiniere ottenendo così ciò che voleva. Il giardiniere che era povero poté con quell’oro far sposare la figlia e la adornò, per quel giorno, proprio con quei fiori di arancio che avevano portato loro tanta fortuna. Da allora questi fiori simboleggiano l’amore vero e anche la prosperità.

 

Nei tempi successivi il bouquet oltre che dai fiori d’arancio, poteva essere fatto anche di altri piccoli fiori profumati come il mughetto e piccole roselline, o altri fiori purché fossero bianchi e legati con un nastro di seta in doppio nodo per sottolineare il legame di fedeltà.

Da allora fino ai giorni nostri è entrato nella tradizione l’uso di fiori anche colorati che possono avere o non avere un significato intrinseco ma che sicuramente ben si abbinano al colore e allo stile dell’abito.

Oggi ancora a molte spose piace dare un significato diverso più profondo a questo oggetto rispetto a quello di mero accessorio che completa l’abito; il significato attribuito più di frequente è quello di ultimo e primo regalo da parte del fidanzato alla propria innamorata in segno di fine di un percorso ed inizio di una vita felice insieme. In questo caso è lo sposo stesso a consegnare il bouquet alla sposa o lo fa consegnare da sua madre.

Spesso a sottolineare questo significato di passaggio dalla vita di bambina e ragazzina a quella di donna e moglie viene inserito nel bouquet un piccolo oggetto legato ai ricordi della sposa.

Alla fine di questo viaggio affascinante nella sua storia possiamo comprendere meglio il valore di questo oggetto che per noi ha un’importanza ancora più bella e più profonda … quando lo mettiamo nelle vostre mani ci regalate lo stupore dei vostri occhi che brillano e qualche lacrima che scende di gioia…

Grazie a tutte voi nostre spose di averci riempito il cuore di queste emozioni e grazie a voi spose future di darci la possibilità di continuare a meravigliarvi.

Serena is the producer & floral designer of Lilla Bespoke Florals. Wife of Federico, shares with him the same passion for nature and flowers. She deals with production and set-up of wedding decorations. She loves to take care of all details and she is the author of the most articles on the blog in Italian and partly in English.

Comments

L’amore per quello che fate si respira anche da queste parole… Conosco l’entusiasmo contagioso di Federico, la cura e l’attenzione che riserva ad ogni Sposa…

Add Your Comment

Archive

CLOSE
%d bloggers like this: